Altomonte: tra vicoli e piazze antiche, arte e cultura

Palazzo Giacobini trasformato in un Centro Congressi e location per matrimoni offre atmosfere e organizzazione puntuale

Il centro del paese di Altomonte, a 60 km a nord di Cosenza, sorprende per la qualità e varietà del suo centro storico. Ricco di chiese e monumenti dal grande valore artistico e architettonico, è uno splendido esempio dell’arte gotico-angioina in Calabria. Altomonte, conta 4500 abitanti, è posta ai piedi del Parco Nazionale del Pollino, su un promontorio a circa 450 metri di altezza. Immersa in uno scenario naturale fatto di vigneti, uliveti, agrumeti, coltivazioni di pesche, che spazia dalle cime del Pollino e dell’Orsomarso, fino al mare Ionio, la piana di Sibari e la valle del fiume Esaro. Sulla sommità dell’abitato si trova la chiesa di S. Maria della Consolazione con un magnifico portale, il grande rosone ad archetti disposti a ruota e l’elegante bifora della massiccia torre campanaria. A fianco della chiesa c’è un monastero del ‘400, fondato dai Domenicani, che ospita oggi il Museo Civico, dove si ammira una raffinata collezione di antichi paramenti sacri, di libri corali miniati dai Domenicani e spiccano capolavori di Bernardo Daddi e Simone Martini, uno dei maggiori rappresentanti dell’arte del Trecento toscano, a sorpresa in Calabria. Da vedere il castello di origine normanna, ampliato e restaurato più volte ma che ha mantenuto l’impianto originario. Una rete di vicoli serpeggianti e stradine acciottolate, si snoda fra antichi palazzi dai portali in pietra, opera di scalpellini locali. Raffinato edificio di fine ‘800, carico di fascino e cultura, Palazzo Giacobini, fu originariamente abitato dagli agenti feudali dei Sanseverino e poi per lunghi periodi alloggio dei pellegrini e ospedale.

Interno del Palazzo Giacobini

Alla fine del secolo scorso, dopo un’importante ristrutturazione, con la gestione della Famiglia Barbieri, il palazzo è diventato un accogliente Centro Congressi e location per matrimoni, pur mantenendo la tipicità di una dimora storica, in grado di ospitare fino a 200 persone. All’interno della struttura il bellissimo chiostro del convento che si trasforma in un magica ambientazione per eventi all’aperto. Servizi di qualità e in esclusiva, con un team qualificato con cui definire gli allestimenti degli spazi, la tecnologia più adatta e naturalmente le proposte gastronomiche che richiamano i sapori e gli odori della tradizione calabrese. Laura Barbieri si occupa di catering ed eventi che si tengono nel prestigioso Palazzo proponendo una cucina che si avvale di ingredienti e materie prime sempre freschi e naturali, accompagnati da una vasta scelta di vini e spumanti presenti nella cantina del palazzo. Nell’arco del tempo, Altomonte si è guadagnato parecchi riconoscimenti: è considerato uno dei Borghi più belli d’Italia, è una Città Slow, gode della Bandiera Verde, è una celebrata Città del Pane ed è l’incontrastata Città dei Matrimoni, oltre 300 all’anno, per coppie che oltre che dalle Calabria e dalle regioni limitrofe arrivano da tutta Italia e anche dall’estero. Enzo Barbieri, per 20 anni assessore cittadino al turismo, ha contribuito alla trasformazione da paese contadino e povero, in una città dedita alla cultura alta e al turismo. Il suo primo atto da assessore fu la distribuzione di oltre 3000 vasi di fiori ai suoi concittadini, per esporli dalle finestre e nei balconi. I visitatori dovevano rimanere colpiti dalla bellezza e dalla vivacità dei loro colori. Come Città d’arte, Altomonte è diventata sede di diversi Festival e rassegne teatrali, destinazione turistico-culturale privilegiata, location di diverse produzioni cinematografiche che contribuiscono, non poco, all’economia locale. Un borgo in cui si seguono ancora ritmi lenti, dove organizzare eventi e proporre un turismo esperienziale, in cui un grande ruolo è svolto dal mangiare bene. La famiglia Barbieri è proprietaria di un moderno albergo quattro 4 stelle in un’ottima posizione, dove gli ospiti possono usufruire della colazione mattutina sulla terrazza da cui si gode uno splendido panorama su tutta Altomonte. L’albergo è dotato di una grande piscina esterna, una Jacuzzi e una SPA, e può rappresentare il punto di partenza dal quale muoversi per andare alla scoperta del Parco Naturale del Pollino, dei borghi autentici di origine albanese, dei laghi alpini, la valle dell’Esaro e la riserva del Farneto, in percorsi emozionali che ruotano intorno alle tradizioni, al cibo, ai vini balbini locali. La fama del ristorante dell’hotel Barbieri, che fa parte della Unione dei Ristoranti del Buon Ricordo, ha, da tempo, superato i confini regionali. Lo stile inconfondibile della famiglia Barbieri, fatto di competenza, professionalità e cura del particolare ne fa un punto di riferimento calabrese di straordinario fascino ed eleganza.

Altomonte, comune in provincia di Cosenza

Art Cities Exchange torna in presenza

Da giovedì 18 a domenica 21 novembre torna Art Cities Exchange (ACE): la XXIII edizione della più importante Borsa italiana delle Città d’Arte, storico marchio di Federalberghi Roma, sarà organizzata da Comitel&Partners.

ACE, realizzata per questa edizione con il contributo della Camera di Commercio di Roma, si svolgerà nella Capitale presso l’Hotel Crowne Plaza St. Peter, dove è prevista la presenza di circa 80 top buyers stranieri provenienti da tutto il mondo interessati ai prodotti Mice, Luxury, Incentive e Leisure, e sellers provenienti da tutta Italia.

Venerdì 19 e nella mattina di sabato 20 novembre si terranno gli incontri prefissati, mentre il pomeriggio del 19 novembre gli incontri b2b saranno liberi. Si prevedono nelle due giornate oltre 3000 meeting d’affari tra buyers e sellers.

Durante la permanenza a Roma dei buyers internazionali saranno realizzate per loro visite guidate e post tour; Roma Capitale e la Regione Lazio li ospiteranno inoltre presso la Centrale Montemartini a Roma e Villa d’Este a Tivoli in occasione di due esclusive cene di gala.

La piattaforma online per schedulare gli incontri prefissati sarà aperta da lunedì 11 a mercoledì 27 ottobre.