Italian Knowledge Leaders: come favorire l’acquisizione di congressi internazionali di rilievo

L’Italia può contare su un altissimo numero di Opinion Leader che, grazie alla loro capacità, esperienza e volontà di rappresentare le rispettive comunità professionali, hanno raggiunto posizioni di prestigio all’interno delle rispettive associazioni internazionali di riferimento: è a loro che dobbiamo la leadership del nostro Paese in moltissime aree scientifiche e professionali.

Al tempo stesso, tali figure sono i principali protagonisti di un’ulteriore opportunità di crescita economica e culturale per tutto il Paese; un’opportunità rappresentata da tutti quegli eventi e congressi internazionali che – proprio grazie alla loro reputazione – l’Italia ha la possibilità di aggiudicarsi; a patto però che siano adeguatamente supportati da un intero sistema composto da istituzioni e operatori del settore degli eventi.
Secondo una ricerca preliminare effettuata da CBItalia ed ENIT, l’Italia si piazza al 6° posto a livello mondiale per “capitale intellettuale disponibile”, ovvero per il numero di opinion leader coinvolti attivamente in organi decisionali di associazioni professionali e scientifiche internazionali. Parliamo di circa 3.500 profili di altissimo livello, di cui 100 in posizioni di Presidente o Chairperson, che Italian Knowledge Leaders si prefigge di supportare. Da sempre la Mice Industry fonda la sua azione su valori quali la collaborazione e la diffusione della conoscenza, finalizzati a creare una connessione virtuosa tra il progresso scientifico e le ricadute economiche e sociali che i convegni associativi sono in grado di generare ai fini di favorire una società basata sulla conoscenza.

Italian Knowledge Leaders è un progetto nato grazie alla volontà di ENIT e CBItalia, con l’obiettivo di assegnare alle eccellenze italiane in ambito accademico e scientifico il riconoscimento quali ambasciatori del capitale intellettuale del nostro Paese, per la qualità e per la continuità del loro impegno anche ai fini di accrescere il numero di convegni internazionali di prestigio che si svolgono in Italia. Non solo: Italian Knowledge Leaders cercherà di far emergere nuovi ‘leader intellettuali’, incoraggiandoli e supportandoli in una maggiore attività a livello internazionale per contribuire alla promozione dell’Italia come ‘destinazione del sapere’ e, di conseguenza, del futuro. Con Italian Knowledge Leaders si intende avviare un percorso che metta a sistema il supporto strutturato delle Istituzioni Italiane, delle destinazioni e delle aziende private operanti nella Meeting Industry a favore dei ‘knowledge leader’ italiani. Il progetto prevede un accompagnamento ai processi di candidatura dei grandi congressi internazionali, in particolare quelli associativi, che costituiscono un settore trainante nella promozione e nello sviluppo delle “Knowledge Destinations”, siano esse nazioni, città o regioni; grazie all’indiscusso impatto economico, sociale e culturale.


Il progetto sarà presentato mercoledì 24 novembre p.v. dalle 18:00 alle 19.30 presso l’Auditorium Antonianum, in Viale Manzoni 1, a Roma, con la partecipazione del Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, il Prof. Walter Ricciardi e il Prof. Ferruccio Resta, Presidente CRUI. L’evento coinvolgerà gli esponenti delle istituzioni locali e nazionali, una delegazione dei principali ‘Italian Knowledge Leaders’, ovvero membri di spicco delle Associazioni scientifiche e professionali internazionali di riferimento, insieme alle destinazioni italiane, che avranno la possibilità di estendere l’invito ai principali interlocutori delle istituzioni del loro territorio, insieme ad agenzie di organizzazione congressuale, Centri Congressi ed Associazioni di Categoria. Modera il giornalista e conduttore televisivo Andrea Pancani.

La filiera della meeting industry è centrale per Enit nel rilancio dell’Italia turistica. Attraverso questa iniziativa puntiamo soprattutto sul segmento associativo, che rappresenta il 25 per cento del comparto, ed è fonte di crescita economica e sociale ma anche un’opportunità di accrescimento culturale. La collaborazione stretta con i professionisti e il mondo accademico è di grande valore per contribuire a sostenere l’offerta turistica nazionale ad accrescere appuntamenti, convegni e conferenze a beneficio di tutto l’indotto turistico. Un nuovo modo di fare squadra. Come e più di prima” dichiara il Presidente Enit Giorgio Palmucci.

Un’economia ad alto tasso di conoscenza, basata su concetti di ‘capitale intellettuale’, creatività e scienza è sempre più un fattore strategico per la crescita di un numero sempre maggiore di settori industriali e per la promozione delle destinazioni.” – commenta Carlotta Ferrari, Presidente CBItalia– “Non è un caso, infatti, che le destinazioni più strutturate stiano già lavorando affinché i loro modelli di sviluppo economico prevedano un maggior coinvolgimento della comunità accademica, delle università e dei centri di ricerca e sviluppo, con l’obiettivo di supportare e favorire l’innovazione, la collaborazione in campo scientifico e la crescita di nuovo business digitale e creativo in modo da dare un valore aggiunto alla propria offerta” – conclude Ferrari.

Confindustria Alberghi: Maria Carmela Colaiacovo eletta alla presidenza

L’Assemblea riunita a Roma ha eletto all’unanimità Maria Carmela Colaiacovo alla presidenza di Confindustria Alberghi per il prossimo biennio.

Maria Carmela Colaiacovo è amministratore delegato del Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio e Vice Presidente del Gruppo Financo, holding internazionale che ha il proprio core business in Italia, nei paesi del Mediterraneo e nei Caraibi, nel settore del cemento e calcestruzzo. Da sempre in Confindustria ha ricoperto diversi incarichi a livello nazionale e territoriale, sia in Confindustria Alberghi che in Federturismo e Confindustria Umbria.

“Sono consapevole della enorme responsabilità che in questo momento comporta la presidenza di un’associazione di impresa, in particolare nel settore turistico alberghiero che è quello maggiormente colpito dalla drammatica crisi del covid – dichiara Maria Carmela Colaiacovo. La situazione è ancora molto difficile e questo impone all’associazione di giocare un ruolo attivo per rappresentare al meglio gli interessi e le esigenze di una categoria e di imprenditori che hanno visto in pochi mesi messo a rischio il lavoro di decine di anni. In questi mesi abbiamo lavorato con una grandissima partecipazione da parte di tutti i soci per la costruzione di richieste e proposte necessarie per la sopravvivenza delle nostre imprese. Il mio obiettivo è quello di procedere ancora in questa direzione con una gestione partecipata e attiva con un coinvolgimento allargato di imprese e territori. Siamo ancora in una situazione drammatica e senza precedenti che chiede un impegno straordinario a noi come imprenditori e associazioni, ma anche – e direi soprattutto – al Governo per assicurare interventi adeguati alla drammaticità del momento. Quello che abbiamo visto ad oggi, non è adeguato alle difficoltà di un settore in cui larga parte degli operatori ha registrato perdite anche superiori all’80%. È necessario un sistema di misure ad hoc per il nostro settore, ancora purtroppo di natura emergenziale con l’estensione del bonus affitti, l’eliminazione della seconda rata dell’IMU e l’estensione della decontribuzione, ma anche con una visione più ampia ed organica di medio lungo periodo per sostenere il riequilibrio economico e la crescita dimensionale delle imprese. Estensione delle garanzie, finanza alternativa, supporto agli investimenti con il superbonus, un pacchetto di interventi che metta in sicurezza il settore e ci permetta di continuare a crescere e competere sui mercati internazionali. In prospettiva poi importante un riequilibrio sul mercato digitale dove gli interventi dell’Europa in tema di tassazione, ma anche di sicurezza e trasparenza dei servizi, segnano un profondo cambio di passo rispetto anche al recente passato – conclude la Presidente Colaiacovo.”

Apre a Milano il primo hotel del brand Voco in Italia

HNH Hospitality, tra i principali operatori alberghieri italiani indipendenti, inaugura a settembre a Milano, l’hotel voco® Milan-Fiere, il primo voco® in Italia, brand lifestyle del gruppo IHG (InterContinental Hotels Group). L’hotel è situato in posizione strategica, a pochi minuti da Fiera Milano, MiCo (Milano Convention Centre), MIND (Milano Innovation District) e garantisce accesso immediato alle principali autostrade che conducono in città e agli aeroporti internazionali di Linate e Malpensa.
 
L’edificio di 22 piani dal design moderno si rivolge a un target sia business che congressuale. Ospita 280 camere e suite suddivise in diverse categorie: 224 camere Standard, 32 camere Premium, 24 Suite; tutte le camere hanno metrature dai 25 ai 56 mq. Sia gli spazi comuni che le camere sono oggetto di un restyling che ridisegnerà l’hotel in chiave sobria, informale e rilassata. Un accorto utilizzo di elementi naturali, nuove opportunità per il fitness e ambienti dedicati alla socialità sono i tratti distintivi di una property che punta ad un target di clientela giovane e che ama uno stile di vita attivo, divertente e responsabile. Fiore all’occhiello dell’hotel il Centro Congressi con 7 spazi modulari, tutti illuminati da luce naturale, dotati di apparecchiature high tech e Wi-Fi gratuito, in grado di soddisfare ogni richiesta, dalla riunione ai grandi eventi ed esposizioni fino a 630 persone; foyer e un terrazzo di 812 mq per eventi all’aperto, gaming area, parcheggio coperto con 263 posti.

L’Hotel mette a disposizione dei clienti, alla ricerca di una pausa di relax al termine di una giornata lavorativa, una moderna sala fitness e l’area benessere con piscina, sauna e bagno turco, ideali per un soggiorno in un contesto di assoluto well-being.

“Dopo Roma, siamo molto felici di questa nuova apertura nella città di Milano. La piazza è strategica rispetto al nostro piano di sviluppo. – afferma Luca Boccato, AD di HNH Hospitality – Annunciare una nuova apertura dopo il periodo incredibile che abbiamo vissuto, e che speriamo finito, è il nostro modo di passare dalle parole ai fatti. Se il settore può ripartire, lo deve fare concretamente attraverso nuovi progetti, con nuovi brand, per nuove aperture. Questa nuova collaborazione con il gruppo IHG è motivo di orgoglio per il Gruppo che con questo nuovo ingresso arricchisce il suo portfolio di un nuovo brand e conta oggi 15 strutture – conclude Boccato.

Tra i servizi offerti, il programma fedeltà IHG Rewards Club, che vanta milioni di membri in tutto il mondo, e i protocolli di sicurezza del programma globale di IHG Clean Promise, per offrire maggiore sicurezza agli ospiti e la necessaria protezione al personale.

DOMINA ZAGARELLA SICILY

A pochi chilometri da Palermo e a circa 50 chilometri dall’aeroporto internazionaleIl Domina Zagarella Sicily affaccia sul Golfo di Porticello, circondato da uno dei più bei paesaggi siciliani.
Il design degli interni vintage è ispirato all’epoca della Dolce Vita italiana. Ognuno dei cinque piani dell’edificio principale dell’hotel è caratterizzato da un colore dominante ad essi attribuito: Azzurro per la Musica, Giallo per la Moda, Rosso per le Auto Sportive, Rosa dedicato alla Donna e alle Dive e Nero per il Cinema.
Nel rigoglioso giardino si trovano 38 villette compatte con una vista spettacolare sul mare, ispirate agli originari villaggi di pescatori della zona.

Il Domina Zagarella è il luogo ideale per eventi grazie alla sua ampia area che affaccia sul mare, nonché una vasta gamma di sale riunioni e un centro congressi modulabile che può ospitare fino a 600 posti a sedere.

Data apertura stagione 2021: 2 Giugno

Director of Sales & Marketing: Pasquale Priore – Priore@domina.it